Tag

, ,

Immagine

Sto li ad asciugarmi i lacrimoni alla fine di un film romantico e non sono capace di abbracciare mia madre.

Sto li a salutare educatamente gli sconosciuti passanti che incrocio sul marciapiede e sono imbarazzata quando incontro mio padre.

Cosa ho combinato? Ho costruito una barriera per filtrare il dolore del passato, quel male dentro, quell’ insoddisfazione, quel non sentirsi amati in cui sono cresciuta e che ho subito perchè mi stava addosso ovunque e adesso so trattenere solo il fino e non il grosso.

A volte non posso proprio chiamarlo cuore, il mio, meglio definirlo un organo cavo, un involucro meccanicamente ben funzionante ma moralmente corrotto.

… Pensieri persi nel vento freddo di un giorno di Novembre guardando le montagne innevate ad un passo da qui.

Annunci