Tag

, , , ,

Immagine

Prendendo spunto da quel che ho scritto anche su FB (per chi ha la sfortuna di conoscermi anche li…) questa mattina cercavo risposte, in generale, così, senza domande specifiche, senza un motivo particolare. Speravo che cadesse dal cielo una risposta che risollevasse alcuni giorni un po’ pesanti. Dopo il tracollo delle presunte amicizie adesso capita che sia necessario fare chiarezza anche in altri settori, tranne fortunatamente quello sentimentale. Ora, io sono disoccupata e casalinga per scelta, diciamo, perchè ho avuto la fortuna di poter appunto scegliere se tirar su i miei marmocchi o se affidarli alle nonne (che ci sono e tempo ne avevano e ne hanno); scelsi di fare da me in modo da non avere nulla da rimproverare a nessuno (tranne ovviamente  a me medesima – come scrivo forbito oggi – ). Si tira la cinghia, e non poco, si risparmia su tutto davvero, si elimina l’inutile e si spreca meno possibile ma ce la si può fare. Ovvio, non avrebbe funzionato se fossi una tutta borsette e scarpette (giuro che non ce l’ho con chi se le può permettere, è che sono ancora in scia sul post “A PALATE“, temo) ma dato si che (si scrive così?) io sono proprio all’opposto (della serie: toglietemi tutto ma non i libri) la cosa ha funzionato, funziona e funzionerà. Dunque, per il mio solo amor proprio, per la mia sola soddisfazione personale mi son messa a “collaborare” come volontaria in una certa situazione che non posso e non voglio specificare. E adesso scopro che c’è del marcio, scopro che ci son certe incongruenze fra il dire e il fare troppo evidenti per non vederle e scopro che c’è chi appunto fa finta di non vederle. Scopro che gli ideali son tramontati già la mattina… avrei dovuto saperlo che tante parole confondono. Chi le ha dette forse ne ha sparate così tante che non le ricorda tutte e poi le versioni non corrispondono… Insomma, capisco che sia un discorso nebuloso da seguire ma mettiamola così: pecco d’ingenuità e di bontà ma alla lunga ci arrivo e metto un punto. Magari è meglio esclamativo!

… Ah, dimenticavo, una risposta è arrivata, anche se non so quale fosse la domanda: la gioia di ricevere è imparagonabile all’immensa gioia di dare!

Che ne dite?

Annunci